Condizioni generali della Accretech (Europe) GmbH

1. Note generali

1.1 Se non sono stati espressamente stipulati altri accordi scritti, alle nostre consegne e prestazioni si applicano le presenti Condizioni generali. Eventuali condizioni generali del cliente che contraddicano le nostre condizioni di vendita si applicano solo se le abbiamo accettate espressamente.

1.2 Si esclude la cessione a terzi di crediti nei nostri confronti. Resta impregiudicato l’art. 354a del Codice di Diritto Commerciale.

1.3 La vendita, rivendita e messa a disposizione delle consegne e prestazioni e di qualsiasi tecnologia o documentazione ad esse correlate possono essere soggette alle leggi sul controllo delle esportazioni della Germania, della UE, degli USA ed eventualmente di altri Stati. È richiesta un’autorizzazione per la rivendita in paesi soggetti a embargo o a persone bloccate o persone che utilizzano o potrebbero utilizzare le consegne e le prestazioni per scopi militari, per armi atomiche, biologiche e chimiche e per tecnologia nucleare. Con l’ordinazione il cliente dichiara la conformità a tali leggi e regolamenti e che le consegne e prestazioni non verranno consegnate direttamente o indirettamente in paesi che vietano e limitano l’importazione di tali merci. Il cliente dichiara di ottenere tutte le autorizzazione necessarie per l’esportazione o l’importazione.

2. Informazioni, consulenze

Le informazioni e consulenze correlate alle nostre consegne e prestazioni vengono fornite in base alle esperienze da noi maturate fino a questo momento. I valori indicati, in particolare anche le indicazioni sulle prestazioni, sono valori medi determinati in prove effettuate in condizioni di laboratorio. Decliniamo qualsiasi obbligo di rispettare con precisione i valori e le possibilità di applicazione. Ad un’eventuale responsabilità si applica il punto 10 delle presenti condizioni.

3. Prezzi

3.1 S’intendono determinanti esclusivamente i prezzi citati nella nostra conferma d’ordine. Le prestazioni aggiuntive vengono calcolate separatamente.

3.2 Tutti i prezzi s’intendono al netto dell’imposta sugli affari che il cliente è tenuto a versare per l’ammontare previsto dalla legge.

3.3. Se non stipulato altrimenti in modo espresso, i nostri prezzi s’intendono franco stabilimento di Monaco. Il cliente è tenuto a farsi carico delle spese di trasporto, delle spese di imballaggio che esulino dall’imballaggio standard, delle imposte (compresa la ritenuta alla fonte) e dei diritti doganali.

4. Consegna

4.1 Se non stipulato altrimenti in modo espresso, effettuiamo le consegne franco stabilimento di Monaco.

4.2 I termini di consegna s’intendono stipulati solo a seguito di espressa conferma scritta. I termini di consegna decorrono dalla data della nostra conferma d’ordine, tuttavia non prima del definitivo chiarimento di tutti i particolari dell’ordine, compresa la produzione degli attestati eventualmente necessari. Se la merce non può essere inviata in tempo per motivi non imputabili a noi, i termini s’intendono rispettati con la comunicazione tempestiva dello stato di pronto spedizione.

4.3 In caso di termini e scadenze non espressamente indicati come fissi nella conferma d’ordine, il cliente può fissarci un adeguato termine di consegna/prestazione due settimane prima della scadenza. Possiamo essere considerati in ritardo solo con lo scadere di tale termine successivo.

4.4 Senza pregiudizio dei nostri diritti, i termini e le scadenze vengono prorogati per ritardo imputabile al cliente in misura pari al periodo per il quale il cliente non adempie ai propri obblighi nei nostri confronti. In caso di violazione di un obbligo da parte nostra, rispondiamo dei danni solo ai sensi del punto 10 delle presenti condizioni.

4.5 Ci riserviamo il diritto di effettuare le consegne mediante la nostra organizzazione di consegna.

4.6 Abbiamo la facoltà di effettuare consegne parziali e prestazioni parziali qualora esse siano accettabili per il cliente.

4.7 Il cliente può rescindere il contratto dopo aver fissato due volte senza esito un termine successivo, a meno che l’ostacolo non sia solo di natura temporanea e che la proroga del termine di prestazione non sia accettabile per il cliente.

4.8 Se al cliente spetta un diritto di recesso contrattuale o legale e se fissiamo al cliente una scadenza adeguata per esercitarlo, il diritto di recesso decade se il recesso non viene dichiarato prima della scadenza.

5. Spedizione, passaggio del rischio

5.1 Se non stipulato altrimenti in modo espresso, la spedizione e il trasporto avvengono a rischio e pericolo del cliente. Il rischio passa al cliente non appena la spedizione sia stata consegnata alla persona che esegue il trasporto.

5.2 Se la spedizione della consegna tarda per motivi imputabili al cliente, il rischio di peggioramento fortuito e rovina fortuita passa al cliente con la segnalazione del stato di pronto spedizione. Dopo il passaggio del rischio le spese di immagazzinamento sono a carico del cliente. Restano impregiudicate ulteriori pretese.

5.3 Se il cliente ritarda l’accettazione, possiamo chiedere il risarcimento delle spese sostenute; con l’inizio del ritardo dell’accettazione il rischio di peggioramento fortuito e rovina fortuita passa al cliente.

6. Pagamento

6.1 I pagamenti devono avvenire entro 30 giorni dalla data della fattura. Per la tempestività del pagamento fa fede la data in cui perviene il denaro.

6.2 A partire dalla data di scadenza, possiamo esigere interessi di mora per un ammontare di 9 punti percentuali oltre il tasso d’interesse annuale di base, ferma restando la possibilità di rivendicare un danno effettivo maggiore.

6.3 La ritenzione di pagamenti a causa di contropretese o la compensazione con contropretese da parte del cliente sono ammesse solo se tali contropretese sono indiscusse o passate in giudicato.

6.4 In caso di ritardo del pagamento, protesto di cambiali o interruzione dei pagamenti da parte del cliente, tutti i nostri crediti devono essere pagati immediatamente indipendentemente dalla durata di eventuali cambiali accettate e accreditate. In tutti i casi citati possiamo anche eseguire le consegne non ancora effettuate solo dietro pagamento anticipato o prestazione di una garanzia e, se il pagamento anticipato o la prestazione della garanzia non avvengono entro due settimane, possiamo rescindere il contratto senza fissare altre scadenze. Restano impregiudicate ulteriori pretese.

7. Riserva di proprietà

7.1 Tutte le merci consegnate restano di nostra proprietà (merce sottoposta a riservato dominio) fino al soddisfacimento di tutte le pretese derivanti dal rapporto giuridico alla base della consegna, qualsiasi ne siano i motivi di diritto.

7.2 Se il cliente elabora, unisce e combina la merce sottoposta a riservato dominio con altre merci, ci spetta la comproprietà del nuovo bene nella misura del rapporto tra il valore fatturato della merce sottoposta a riservato dominio e il valore delle altre merci utilizzate. Se la nostra proprietà decade a causa dell’elaborazione, unione o combinazione, il cliente ci trasferisce fin d’ora i diritti di proprietà spettantigli sul nuovo patrimonio o bene nella misura del valore della merce sottoposta a riservato dominio e li custodisce gratuitamente per noi. I diritti di comproprietà che si creano in questo modo s’intendono merce sottoposta a riservato dominio ai sensi del punto 7.1.

7.3 Solo nel quadro di una regolare attività commerciale e sempre che non sia in ritardo, il cliente può elaborare ulteriormente la merce sottoposta a riservato dominio, unirla ad altri beni, combinarla o rivenderla. Non è consentito disporre altrimenti della merce sottoposta a riservato dominio. Eventuali pignoramenti da parte di terzi o altri interventi sulla merce sottoposta a riservato dominio devono esserci comunicati senza indugio. Tutte le spese di intervento sono a carico del cliente, se non è possibile riscuoterle dal terzo. Se il cliente dilaziona al proprio acquirente il prezzo d’acquisto, è tenuto a riservarsi nei suoi confronti la proprietà della merce sottoposta a riservato dominio alle stesse condizioni alle quali noi ci siamo riservati la proprietà all’atto della consegna della merce sottoposta a riservato dominio. In caso contrario il cliente non ha la facoltà di rivendere la merce.

7.4 I crediti del cliente derivanti dalla rivendita della merce sottoposta a riservato dominio ci vengono ceduti sin d’ora. Fungono da garanzia nella stessa misura della merce sottoposta a riservato dominio. Il cliente è autorizzato e legittimato alla rivendita solo se vi è la sicurezza che i crediti che gliene derivano siano trasferiti a noi.

7.5 Se il cliente vende la merce sottoposta a riservato dominio insieme ad altre merci non consegnate da noi per un prezzo complessivo, la cessione del credito derivante dalla vendita avviene nella misura del valore della fattura della merce sottoposta a riservato dominio venduta da noi.

7.6 Se il credito ceduto viene inscritto in un conto aperto, il cliente ci cede fin d’ora una parte del saldo di ammontare corrispondente a questo credito, compreso il saldo finale dal conto corrente.

7.7 Fino a revoca da parte nostra, il cliente ha la facoltà di riscuotere i crediti a noi ceduti. Possiamo revocare tale autorizzazione se il cliente non adempie nella debita forma agli obblighi di pagamento derivanti dal rapporto commerciale. Se si danno le condizioni per l’esercizio del diritto di revoca, il cliente, dietro nostra richiesta, è tenuto a renderci noti senza indugio i crediti ceduti e i relativi debitori, a fornire tutte le indicazioni necessarie per la riscossione dei crediti, a consegnarci i documenti correlati e a comunicare la cessione al debitore. Anche noi abbiamo la facoltà di comunicare la cessione al debitore.

7.8 Se il valore delle garanzie a nostro favore supera in totale i crediti garantiti di più del cinquanta (50) per cento, su richiesta del cliente siamo tenuti a svincolare garanzie a nostra scelta.

7.9 Se ci avvaliamo della riserva di proprietà, ciò implica un recesso dal contratto solo se lo dichiariamo espressamente. Il diritto del cliente di possedere la merce sottoposta a riservato dominio decade se egli non adempie agli obblighi derivanti dal presente contratto.

8. Diritti sul software

8.1 Tutti i programmi restano di nostra proprietà. Non è consentito rendere accessibili a terzi programmi, documentazioni e integrazioni successive senza nostra autorizzazione scritta preliminare né copiarli o duplicarli
in altro modo, eccettuata una copia di sicurezza per uso proprio.

8.2 Per i programmi, le documentazioni correlate e le integrazioni successive viene concesso un diritto di utilizzo non esclusivo e non trasferibile a scopo di impiego interno della merce per la quale vengono forniti i programmi. Per i programmi e le documentazioni realizzati su incarico dell’acquirente e che sono oggetto di consegna da parte nostra vengono concesse licenze singole per clienti finali nella quantità desiderata dall’acquirente e nella misura di un diritto di utilizzo non esclusivo e non trasferibile.

8.3 Di norma i programmi sorgente non vengono messi a disposizione e la loro consegna avviene solo in base ad uno specifico accordo scritto.

9. Garanzia

9.1 La merce oggetto di reclamo deve esserci rispedita per la verifica nell’imballaggio originale o in un imballaggio equivalente. Se la notifica dei difetti è giustificata e tempestiva, risolveremo i difetti nel quadro dell’adempimento successivo e lo faremo, a nostra scelta, eliminando il difetto o consegnando un bene privo di difetti; ci faremo carico solo delle spese necessarie per l’adempimento successivo.

9.2 Abbiamo la facoltà di rifiutare l’adempimento successivo secondo le disposizioni di legge. L’adempimento successivo può essere rifiutato anche se il cliente, a seguito di richiesta da parte nostra, non ci ha inviato la merce oggetto del reclamo.

9.3 Il cliente può esigere la rescissione del contratto o la riduzione del pagamento secondo le disposizioni di legge, tuttavia non prima che siano trascorse infruttuosamente due scadenze adeguate per l’adempimento successivo fissate dal cliente, a meno che la fissazione di una scadenza per l’adempimento successivo non sia superflua a norma di legge. In caso di recesso il cliente risponde del peggioramento, della perdita e del mancato godimento in caso di intenzione e negligenza di qualsiasi tipo.

9.4 In caso di occultamento doloso di un difetto o in caso di accettazione di una garanzia di qualità ai sensi dell’art. 444 del codice civile (dichiarazione del venditore che l’oggetto della compravendita presenta una determinata proprietà al momento del trasferimento del rischio e che il venditore risponderà di tutte le conseguenze della mancanza di tale proprietà indipendentemente dalla colpa) i diritti del cliente si basano esclusivamente sulle disposizioni di legge.

9.5 Per eventuali pretese di risarcimento di danni e spese del cliente si applicano le disposizioni di cui al punto 10.

9.6 Tutte le indicazioni sui nostri prodotti, in particolare le illustrazioni, i disegni e le indicazioni relative a pesi, misure e prestazioni contenuti nelle nostre offerte e nei nostri stampati, vanno intese come valori medi approssimativi. Non si tratta di garanzie di qualità bensì di descrizioni o identificazioni della merce.

9.7 Se nella conferma dell’ordine non sono stati stipulati espressamente limiti per eventuali scostamenti, sono ammessi in ogni caso gli scostamenti abituali nel settore.

9.8 Resta esclusa la garanzia per difetti della merce consegnata la cui causa sia riconducibile all’usura consueta. Per le merci vendute come materiale declassato o usato, l’acquirente non ha alcun diritto in caso di eventuali difetti. Restano impregiudicati i diritti al risarcimento dei danni e delle spese.

9.9 La garanzia decade se non sono state seguite le nostre istruzioni riguardo al funzionamento o alla manutenzione, se sono state apportate modifiche alle consegne o alle prestazioni, se sono stati sostituiti pezzi o se sono stati utilizzati materiali non corrispondenti alle specifiche originali, a meno che il cliente non dimostri che il difetto non deriva da tali circostanze.

9.10 Se il cliente è un operatore commerciale, è tenuto a notificare i difetti per iscritto o tramite fax.

9.11 Il termine di prescrizione per i diritti di reclamo per difetti è di 12 mesi. Ciò non si applica ai diritti al risarcimento di danni e spese né ai diritti di reclamo per difetti correlati all’occultamento doloso di un difetto.

10. Limitazione di responsabilità

10.1 In caso di violazione di un obbligo, consegna difettosa o azione illecita, rispondiamo in quanto al risarcimento di danni e spese, salvo ulteriori condizioni di responsabilità stabilite dal contratto o dalle leggi, solo in presenza di intenzione, negligenza grave e violazione negligente di un obbligo essenziale del contratto (obbligo contrattuale la cui violazione comprometta il raggiungimento dello scopo del contratto o il cui adempimento sia essenziale per la corretta esecuzione del contratto e sul cui rispetto il cliente possa fare affidamento). Tuttavia la nostra responsabilità in caso di violazione negligente di un obbligo essenziale del contratto si limita ai danni contrattuali tipicamente prevedibili alla stipula del contratto.

10.2 Per i danni causati da ritardi, in caso di negligenza lieve rispondiamo solo per un ammontare pari a massimo il 2% del prezzo d’acquisto stipulato con noi.

10.3 Le esclusioni di responsabilità e le limitazioni di responsabilità contenute nei punti 10.1 – 10.2 non si applicano in caso di assunzione di una garanzia di qualità del bene ai sensi dell’art. 444 del codice civile (vedere punto 9.4), in caso di occultamento doloso di un difetto, in caso di danni derivanti da lesioni alla vita, all’integrità fisica e alla salute e in caso di responsabilità obbligatoria ai sensi della legge sulla responsabilità da prodotti.

10.4 Le pretese di risarcimento danni nei nostri confronti, qualsiasi ne siano i motivi di diritto, prescrivono al più tardi un anno dopo la consegna del bene al cliente, in caso di responsabilità penale a partire dalla conoscenza o dell’ignoranza dovuta a negligenza grave delle circostanze alla base della pretesa e della persona responsabile. Le disposizioni del presente paragrafo non si applicano al caso di responsabilità per intenzione o negligenza grave, né ai casi citati al punto 10.3.

10.5 Se il cliente è un rivenditore del bene consegnatogli e l’utilizzatore finale è un consumatore, per la prescrizione di un eventuale diritto di rivalsa del cliente nei nostri confronti si applicano le disposizioni di legge.

10.6 Nella consegna di software rispondiamo della perdita o modifica di dati richiamati dal programma solo nella misura che sarebbe stata inevitabile anche se il cliente avesse adempiuto al proprio obbligo di effettuare backup dei dati ad intervalli adeguati, e comunque almeno una volta al giorno.

11. Proprietà industriale, proprietà intellettuale

11.1 Qualora contro il cliente vengano sollevate pretese per la violazione di un diritto di proprietà industriale o di un diritto di proprietà intellettuale poiché utilizza la nostra consegna/prestazione nel modo disposto dal contratto, ci impegniamo a procurare al cliente il diritto all’ulteriore utilizzo. Ciò avviene a condizione che il cliente ci informi senza indugio e per iscritto delle pretese di questo tipo e che tutte le misure difensive ed extragiudiziali restino riservate a noi. Qualora con queste premesse non fosse possibile continuare ad utilizzare la nostra consegna/prestazione in condizioni economicamente ragionevoli, s’intende stipulato che modificheremo o sostituiremo la consegna/prestazione per eliminare il vizio giuridico, oppure ritireremo la consegna/prestazione e rimborseremo il prezzo d’acquisto pagatoci, detratto un importo che tenga conto dell’età della consegna/prestazione.

11.2 Al cliente non spettano ulteriori diritti per violazioni della proprietà industriale o intellettuale, purché non vengano violati obblighi essenziali del contratto e purché la violazione di obblighi di altro tipo non sia avvenuta intenzionalmente né per negligenza grave. Non abbiamo alcun obbligo ai sensi del punto 11.1 se le violazioni del diritto sono state causate dal fatto che la nostra consegna/prestazione non viene utilizzata nel modo previsto dal contratto o viene utilizzata insieme a consegne/prestazioni diverse dalle nostre.

12. Smaltimento

12.1 Per lo smaltimento della merce il cliente deve attenersi alle informazioni che accompagnano la merce e assicurare che la merce venga smaltita correttamente e nel rispetto delle prescrizioni di legge.

12.2 Se il cliente è un’impresa, è tenuto ad effettuare lo smaltimento a proprie spese. In caso di rivendita della merce o di suoi componenti, il cliente deve trasferire tale obbligo all’acquirente successivo.

13. Riservatezza

Se non stipulato altrimenti espressamente e per iscritto, le informazioni forniteci nel quadro dell’ordinazione s’intendono non riservate, a meno che la riservatezza non sia evidente.

14. Altroa

14.1 Se il cliente è un operatore commerciale, una persona giuridica di diritto pubblico o un ente di diritto pubblico con patrimonio separato, il foro competente è Monaco di Baviera. Abbiamo tuttavia la facoltà di presentare azioni anche presso la sede del cliente.

14.2 Si applica il diritto tedesco, con esclusione della convenzione delle Nazioni Unite sui contratti di compravendita internazionale di merci e delle norme di riferimento del diritto privato internazionale tedesco.

14.3 L’inefficacia parziale o totale di singole clausole delle presenti Condizioni non pregiudica l’efficacia delle restanti clausole o delle altre parti di tali clausole.

Siamo a vostra disposizione

(+39) 02 2316 3291

Modulo di contatto

Come raggiungerci più facilmente.